Seguici

Cronaca & Spettacolo

Ciao Gianni: porta un saluto e un bacio a tutti, lassù

Se n’è andato Gianni Cavina. Il ricordo del Maestro Avati

Pubblicato

il

Gianni Cavina nel ruolo di Coppola in La Casa dalle Finestre che Ridono, regia di Pupi Avati (1976)
Tempo di lettura: 4 min.

Gianni Cavina non c’è più.

Se n’è andato dopo una lunga malattia l’attore felsineo “fratello” nel lavoro, come nella vita del suo concittadino il Maestro Pupi Avati.

Sì, ho scritto fratello proprio perché con il grande regista bolognese Gianni Cavina ha diviso gran parte del lavoro cinematografico (e non solo) e della sua esistenza.

Nato nel capoluogo emiliano il 9 dicembre 1940 (di due anni più piccolo), Cavina ha preso parte come attore a ventidue regìe del Maestro Avati oltre a sceneggiare ben quattro film di Pupi, La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone (1975), Bordella (1976), La casa dalle finestre che ridono (1976) e Tutti defunti… tranne i morti (1977).

Dalla prima all’ultima pellicola, da “Balsamus, l’uomo di Satana” del 1968 a “Dante” finito di girare pochi mesi fa e ancora inedito.

Gianni Cavina lascia una traccia indelebile nella filmografia del Maestro bolognese che perde un grande interprete, collaboratore e amico fedelissimo.

Come grande estimatore del Maestro Pupi Avati il mio personale dispiacere per la scomparsa di una persona e di un attore che ha sempre lasciato un segno tangibile nelle sue interpretazioni.

Mancherà al Cinema e a chi ha amato e ama le celluloidi del Maestro Pupi Avati.

Ciao Gianni.

Porta un saluto e un bacio a tutti quelli che sono lassù, da Nik Novecento a Carlo Delle Piane, da Pina Borione a Ferdinando Orlandi, Bob Tonelli, Arrigo Lucchini e tutti, tutti, tutti gli altri che ci hanno fatto ridere, riflettere e piangere di poetica commozione.

Luigi Tommolini

Il ricordo del Maestro Pupi Avati (QuotidianoNazionale)

Morto Gianni Cavina, il ricordo di Pupi Avati: “Grazie per non avermi mai lasciato solo”

Il regista ricorda l’amico attore scomparso nella notte all’età di 81 anni

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera che Pupi Avati ci ha inviato in occasione della morte di Gianni Cavina. Con queste parole il grande regista ha voluto ricordare l’attore scomparso nella notte all’età di 81 anni. 

Caro Gianni, …e quella volta che in una pausa di Regalo di Natale hai perso con Haber trecento mila lire e te le ha chieste per tutto il film, e quella volta che a Bologna facemmo il nostro primo film , senza sapere come si facesse, e io invece di dire “motore” dicevo Ciak con i cinematografai romani che ci ridevano dietro, e quell’altra nella Mazurka che alle due di notte andasti a svegliare un fioraio di Cento perché Tognazzi voleva fare il pesto e ci voleva il basilico, e quella in cui molto più che ubriachi distruggesti una sala del ristorante Il Pellegrino, e quella in Bordella che ti “impiccasti” con i preservativi, e quei tanti pomeriggi di sceneggiatura con Antonio nell’ufficetto di Maurizio Costanzo a cazzeggiare, e la tua mirabile interpretazione dell’agente di Boldi in Festival che ti valse il nastro d’Argento, e quella gallina che sapesti fare nelle Stelle nel Fosso che rimane uno dei momenti più poetici del nostro cinema, e quella volta che desti un cazzotto a Teddi Reno che ti fece perdere il sabato sera in TV, e quel magnifico sagrestano de Il Signor Diavolo che rese così inquietante il finale, e le mille cene da Il Lercio sulla ferrarese durante la Casa dalle Finestre che ridono, e quelle lezioni da Checco Coniglio per poter interpretare il trombonista di Jazz Band, e le partite di Calcio nella Rivincita di Natale con Abatantuono che non ti passava mai il pallone, e il superlativo padre della Ramazzotti ne Il Cuore grande delle ragazze, e l’orfano di Dancing Paradise che pretende di essere accompagnato in cielo dal padre da Carlo Delle Piane, e quella volta che convincemmo Moggi a prendere il tuo Fabrice nella giovanile della Juve,e quella volta che fosti quel nobile pazzo che terrorizzava Mozart in Noi Tre, e quando telefonasti ad Antonio che stavi suicidandoti nella vita reale, mi ricordo quanto ti divertisti a fare il detective scemo in Tutti defunti, o quel nonno finto campione di biliardo negli Amici del bar margherita, e quando facesti quell’inquietante autista della Sconfinata giovinezza, o il fratello di Loris nella via degli angeli, o quando al Bandiera Gialla di Rimini con Hamburger Serenade trascorremmo una delle estate memorabili della nostra vita, e quando la tua Marie France se ne andò per sempre, e quella volta in cui il Buon Dio seppe provvedere facendo entrare Giovanna nella tua vita, e quella volta in Cinema !!! , e ancora quella volta pochi mesi fa in Dante in cui , ,pur di esserci, già provato nel fisico ti facesti condurre a Roma per interpretare con Castellitto una delle sequenze più evocative del film, e quella volta, Gianni, e ancora e ancora., quelle mille volte della nostra vita. Sono infinite e lo sai. ogni “volta” ci ha fatto capire meglio e di più come si facesse questo cinema e quanto ci piacesse farlo. Grazie per non avermi mai lasciato solo .

Pupi

ARTICOLI CORRELATI

Pupi Avati a Cuore aperto


Continua a leggere
1 Comment

1 Comment

  1. Piero Paolo Cattozzi

    26/03/2022 at 23:48

    Grazie Gianni e grazie Pupi per tutto quel che ci avete regalato e che continua ad emozionarci. Penso al sorriso di NIC Novecento quando ti ha visto …

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 | OggiSportNotizie.it iscritto al Tribunale di Teramo con il n. 317 del 23 febbraio 2022 | Editore: Associazione ERASMUSTE Sede legale via Balzarini 1 c/o UNITE - 64100 Teramo e-mail: teramo@esn.it | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | Presidente: Giuliano Mellai | CF: 92030830670 | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione | Tutti i diritti sono riservati.