Seguici

Ciclismo

Arnaud Démare fa tris al Giro

Nella “Tappa Bartali” il gruppo rinviene sui fuggitivi solo all’ultimo km. Maglia Rosa sempre sulle spalle di Lopez mentre Bardet si ritira a inizio tappa

Pubblicato

il

Photo Credits:Alpozzi/D'Alberto/Ferrari/Paolone/LaPresse
Tempo di lettura: 2 min.

Arnaud Démare fa tris al Giro.

Milazzo, Scalea e Cuneo.  La “Tappa Bartali” di questo Giro d’Italia è di Arnaud Démare che incrementa il suo bottino di vittorie legittimando sempre di più la Maglia Ciclamino che indossa ormai dalla tappa 5. Sul rettilineo finale, in leggera salita, il velocista della Groupama-FDJ è risultato imprendibile sia per Phil Bauhaus che per Mark Cavendish, i due corridori che lo hanno accompagnato sul podio. La volata di oggi è arrivata al termine di un lungo inseguimento del gruppo che solo all’ultimo km è rinvenuto sulla fuga di Pascal Eenkhoorn, Julius Van der Berg, Nicolas Prodhomme e Mirco Maestri. Da segnalare il ritiro a inizio tappa di Romain Bardet. Il corridore francese, partito da Sanremo in 4^ posizione nella classifica generale, è stato fermato da dolori allo stomaco. Domani tappa breve ma molto impegnativa da Santena a Torino con 3000 metri di dislivello.

RISULTATO DI TAPPA
1 – Arnaud Démare (Groupama-FDJ) – 150 km in 3h1816’’, alla media di 45.393 km/h
2 – Phil Bauhaus (Bahrain Victorious) s.t.
3 – Mark Cavendish (Quick-Step Alpha Vinyl Team) s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1 – Juan Pedro Lopez Perez (Trek-Segafredo)
2 – Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) a 12″
3 – Joao Pedro Almeida Gonçalves (UAE Team Emirates) s.t.

Queste le dichiarazioni:

Il vincitore di tappa Arnaud Démare ha dichiarato in conferenza stampa: “Sono veramente esausto. Non mi siedo quasi mai a terra dopo un arrivo ma oggi la tappa è stata faticosissima. Nella rincorsa ai fuggitivi abbiamo dovuto usare più corridori di quelli che ci aspettavamo, e lo stesso è capitato ad altri team. Se fossimo stati solo noi ad inseguire non li avremmo mai ripresi. Di solito mi piacciono questi arrivi in leggera salita ma oggi non era così perchè non ero più fresco. Abbiamo ripreso la fuga solo a 500 o 600 metri dall’arrivo ma già a 10 km dall’arrivo immaginavo un finale del genere perchè il falsopiano degli ultimi km poteva essere di troppo per loro. E’ già un grande GIro per noi, una vittoria in più o una in meno non cambierà nulla. Vorremmo soprattutto divertirci anche se adesso iniziano le grandi montagne.” 

La Maglia Rosa Juan Pedro Lopez Perez ha detto: “Non sapevo cosa fosse successo a Romain Bardet. L’ho saputo solo dalla radio. Era uno dei corridori più forti in una delle squadre più forti. Domani darò tutto come ogni giorno. Tutti sanno che Superga è molto dura, forse qualche corridore di classifica proverà ad attaccare. Sono arrivato al Giro solo per provare a vincere una tappa ed aiutare il mio team. Adesso vivo in un sogno e ancora stento a crederci.”

da Comunicato Stampa RCS Sport

Photo Credits:Alpozzi/D’Alberto/Ferrari/Paolone/LaPresse

Continua a leggere
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 | OggiSportNotizie.it iscritto al Tribunale di Teramo con il n. 317 del 23 febbraio 2022 | Editore: Associazione ERASMUSTE Sede legale via Balzarini 1 c/o UNITE - 64100 Teramo e-mail: teramo@esn.it | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | Presidente: Giuliano Mellai | CF: 92030830670 | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione | Tutti i diritti sono riservati.