Seguici

Calcio

Origi: “Al Milan mi sono sentito subito a casa. Voglio dimostrare il mio valore”

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 4 min.

Divock Origi, neo acquisto del Milan, ha rilasciato le sue prime parole ai microfoni di Milan TV.

LE PAROLE:

Prime sensazioni: “Arrivando qui mi sono sentito subito a casa. Sono in club con una grande storia e ora voglio iniziare a conoscere la sua cultura, voglio capire le persone, come vanno le cose qui. E finora è stato tutto fantastico. Lo scorso anno quando abbiamo giocato in Champions League ho notato tutto l’entusiasmo di questo club.

Sulla rosa: “Mi sono preparato fisicamente e mentalmente per essere qui, per poter dare il massimo e aggiungermi alle fondamenta di questa squadra. Le fondamenta di questa squadra sono fantastiche, è bello poter costruire qualcosa insieme. Penso di poter dare molto: passione, felicità, esperienza e speriamo anche gol e assist. Voglio lavorare con i compagni, creare una bella atmosfera nel gruppo e con i compagni, e poi scendere in campo per vincere perchè squadre come il Milan vogliono stare sempre al vertice. E me piacciono queste sfide: sono carico”.

Sulla sua voglia di vincere: “Avere la possibilità di vincere è la cosa più importante, vedendo il processo dietro la costruzione di una squadra e quello che serve per vincere e per giocare bene tra momenti difficili e positivi. Tutto questo mi ha fatto crescere, a 27 anni senti che il tuo corpo continua a migliorare e per me questo è fantastico”.

Sulle Serie A: “E’ uno dei campionati migliori al mondo. L’anno scorso c’è stata una grande lotta per il titolo. Qui la gente vive per il calcio, ama il calcio, è una passione. Tutti conoscono la storia di questo club: 19 scudetti, 7 Champions League. Una storia incredibile, immensa. E se torniamo indietro nel tempo ci sono tanti giocatori che potrei nominare, quindi essere qui ed essere parte di questa storia mi rende orgoglioso e carico”.

Sugli attaccanti del Milan del passato: “Io amo il calcio. Ho visto dei video di Van Basten su YouTube, i suoi anni al Milan, i suoi gol… Anche se la sua carriera non è stata lunga, l’impatto che ha avuto, così come altri attaccanti come Sheva, Inzaghi e Weah, è stato incredibile. Hanno fatto la storia del club, e non ne sto citando nemmeno la metà. Sono icone e io adoro l’idea di essere in un club ricco di cultura calcistica e puoi sempre imparare da qualcuno. A me piace osservare e imparare. Ora sono qui a portare la mia esperienza alla squadra e spero di poter aiutare la squadra a crescere e a continuare a vincere”.

Sull’arrivo a Milano: “La prima volta che ho parlato con Maldini e Massara è stato bello comprendere la loro visione delle cose, vedere come il club si sta evolvendo. Poter giocare qui, vivere quell’atmosfera, vivere San Siro, è qualcosa di speciale per me. Ho potuto vedere come gioca la squadra, come allena il mister, sentire il calore dei tifosi e percepire la grande storia del club. Ho sempre visto il Milan come un grande club e tutti questi elementi mi hanno portato qui”.

Sul Saelemaekers (suo connazionale): “Con Alexis avevo parlato prima di scegliere il Milan, gli ho fatto alcune domande sul club e chiaramente lui ha parlato molto bene della squadra. Adora il Milan e si vede. Per me è stato molto importante parlare anche con il management, con il mister per capire subito cos’è il Milan”.

Su San Siro: “La prima cosa mi trasmette è la storia che trasmette e quanto fosse mitico giocare lì, anche se anche al Liverpool giocavamo in uno stadio altrettanto speciale. Ma quando arrivi a San Siro tutti i giocatori sono in ammirazione, si percepisce la cultura calcistica da piccoli dettagli come i tifosi, la loro conoscenza del club e la loro energia. Adoro che i tifosi tengano così tanto al club, mi ha impressionato, così come il gioco offensivo della squadra, sono tutte cose che adoro”.

Sulla lingua italiana: “A 15 anni mi sono trasferito in Francia dal Belgio e non parlavo francese e dovetti adattarmi per la prima volta. Volevo imparare il prima possibile e qui sarà lo stesso. Adoro l’idea di poter imparare più lingue e di vivere culture diverse, adoro viaggiare. Al 100% cercherò di conoscere il calcio italiano, la cultura, cercherò di sfruttare al meglio il mio tempo qui. Sono sicuro che questa esperienza mi farà crescere anche come uomo e mi faranno dare il meglio di me. Questo implica anche imparare la lingua, ma è qualcosa che a me piace”.

Sui suoi obiettivi: “Io voglio migliorare ogni giorno e dimostrare il mio valore iniziando dall’allenamento e arrivando fino alle partite. Ora sono concentrato sul prepararmi al meglio, entrare in squadra, contribuire il più possibile, conosce i compagni, migliorare ogni giorno e questo è uno degli obiettivi. Sono concentrato sul Milan, per integrarmi il prima possibile e dare il mio contributo”.




Dove trovare Oggi Sport Notizie:




Pubblicità

Facebook

ACF Fiorentina ac milan ac monza AIA Altro Calcio Ascoli Calcio 1898 AS Roma atalanta basket calcio femminile Calcio Internazionale calciomercato champions league conferenza stampa Coppa Italia curiosità Designazione Arbitrale Europa League evidenza Frosinone Giudice Sportivo Hellas Verona Inter FC inzaghi italia Juventus FC news numeri pallavolo press conference Programma Gare Qatar 2022 Risultati roma scherma Serie A Serie B serie C serie D spalletti SSC Napoli ss lazio Tennis US Cremonese volley

Copyright © 2022 | OggiSportNotizie.it iscritto al Tribunale di Teramo con il n. 317 del 23 febbraio 2022 | Editore: Associazione ERASMUSTE Sede legale via Balzarini 1 c/o UNITE - 64100 Teramo e-mail: teramo@esn.it | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | Presidente: Leonardo De Lauretis | CF: 92030830670 | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione | Tutti i diritti sono riservati.