Seguici

Tennis

Da oggi il tennis è più povero

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 1 min.

Sono passati appena pochi giorni dall’ultima partita giocata in carriera da Roger Federer. Non poteva esserci un epilogo migliore che in un contesto di festa come la Laver Cup, in compagnia dei suoi più grandi avversari ed amici allo stesso tempo. Nel momento più impegnativo della sua vita (altro che Slam e Master 1000), Roger non è voluto restare da solo all’ultimo “game, set and match” della carriera perché la solitudine è una brutta bestia per chi ne soffre e la cosa più giusta da fare è stata piangere accompagnato da chi lo ha spinto oltre i propri limiti di gioco e mentali, da chi lo ha spinto oltre ogni sua paura.

La partita in doppio di Federer e Nadal contro Sock e Tiafoe si è conclusa da poco. Le lacrime iniziano a scendere sui volti dei protagonisti (e sui nostri) come fossero rubinetti difettosi. Di gesti iconici di quel venerdì 23 settembre ce ne sono stati molti: dalla delicatezza con cui Roger ha preparato le sue ultime racchette negli spogliatoi, o da come (in realtà non si sa come) abbia fatto passare la pallina tra il paletto e la rete. Il più importante è come Federer abbia cercato e trovato le mani di Nadal mentre erano seduti sulla panchina, a fine partita. In quel momento Roger si è sentito più solo che mai ed ha trovato conforto, sollievo nelle mani del suo più grande rivale.

Perché, parliamoci chiaro, senza Rafa Nadal non sarebbe vissuta l’epoca di Roger Federer. E viceversa. O meglio, senza la loro rivalità non li avremmo visti nella loro interezza e magnificenza. Oggi comincia una nuova era tennistica, e senza Re Roger tutto sarà meno poetico.

Continua a leggere
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 | OggiSportNotizie.it iscritto al Tribunale di Teramo con il n. 317 del 23 febbraio 2022 | Editore: Associazione ERASMUSTE Sede legale via Balzarini 1 c/o UNITE - 64100 Teramo e-mail: teramo@esn.it | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | Presidente: Giuliano Mellai | CF: 92030830670 | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione | Tutti i diritti sono riservati.