Seguici

Serie A

Monza-Inter 1-5: valanga nerazzurra e messaggio al campionato

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 4 min.

Valanga nerazzurra e messaggio fortissimo al campionato. L’Inter schiaccia il Monza e fa valere la legge del più forte. Dopo le polemiche Var dell’ultima giornata i nerazzurri fanno parlare il campo in maniera fragorosa. Cinque gol per allungare in vetta e salire momentaneamente a più cinque sulla Juventus impegnata martedì contro il Sassuolo. Inzaghi può solo applaudire i suoi ragazzi. Il Monza ci ha provato ma non ha mai retto l’ondata nerazzurra. Doppietta di Calhanoglu, doppietta di Lautaro e sigillo finale di Marcus Thuram. Pessina ha provato a rendere meno amara la sconfitta anche se lo schiaffo è stato fortissimo. Una vittoria di rabbia e autorità che spaventa le contendenti. Solo l’Inter può perdere lo scudetto e forse solo la Juventus può insidiare la macchina perfetta di Inzaghi

Primo tempo – la cronaca

Inter subito pericolosa al terzo minuto. Darmian batte la rimessa laterale in area di rigore, il pallone arriva a Dimarco che incrocia il sinistro di poco a lato. 

I nerazzurri dominano i primi dieci minuti mettendo soto pressione il Monza e al decimo minuto arriva l’episodio che apre la partita. Sul colpo di testa di Lautaro Martinez Gagliardini colpisce il pallone con la mano. Rapuano richiamato al Var concede il calcio di rigore e Calhanoglu non sbaglia regalando il meritato vantaggio ai nerazzurri.

La rete stordisce il Monza, l’Inter è un fiume in piena e trova i raddoppio dopo pochi minuti. Dimarco viene servito sulla corsa da Mkhitaryan, mette in mezzo il pallone in mezzo per Lautaro Martinez che insacca il suo diciassettesimo gol in Serie A. Nerazzurri padroni del campo. 

Il Monza prova a scuotersi con Colpani ma il sinistro del numero 28 finisce sul fondo. L’Inter gestisce il ritmo e il palleggio mentre i brianzoli faticano ad uscire dalla metà campo.

Al ventunesimo l’inter sfiora il tris. Dimarco crossa sul palo lontano per Thuram con il numero nove che incrocia il tiro andando non lontano dal palo destro di Sorrentino. 

Il Monza al 29esimo prova a crederci e accorcia con le distanze con Pessina. Punizione tagliata di Colpani, spizzata di Caldirola e colpo di testa vincente del capitano dei brianzoli. Rapuano richiamato dal Var annulla la rete per fuorigioco di Pessina e l’Inter si salva.

Dopo lo spavento gli uomini di Inzaghi gestiscono il possesso e non tremano. Thuram spara alto da buona posizione e il Monza prova a farsi vedere con una punizione alta di Colpani alta sulla traversa. 

Allo scoccare del 45esimo Thuram prova nuovamente il tiro da fuori mancando lo specchio della porta. I cinque minuti di recupero scadono senza sussulti e l’Inter va a riposo meritatamente i vantaggio. 

Secondo tempo – la cronaca

La ripresa comincia con un cambio nel Monza. Ciurria lascia il campo per Kyriakopulos e Bondo rimane negli spogliatoi per fare spazio a Colombo. I primi cinque minuti non producono occasioni degne di nota. L’Inter chiude le linee e il Monza prova a palleggiare.

Attorno al decimo minuto Mkhitaryan prova la botta da fuori area mentre il Monza risponde con una discesa di Dany Mota. Il cross del numero 47 viene deviato da Pavard, il Monza reclama il rigore ma Rapuano lascia correre.

Dopo un minuto Clahanoglu sfiora il tris con Sorrentino che respinge la conclusione del turco. Palladino continua a protestare per l’episodio precedente e viene espulso da Rapuano lasciando il Monza senza la guida tecnica.

Al quindicesimo minuto l’Inter trova il gol. Azione rapidissima i contropiede dei nerazzurri con Thuram che serve Calahanoglu. Il turco controlla e fredda Sorrentino con un destro potente ad incrociare che chiude di fatto la partita.

Dopo la rete Inzaghi opera i primi cambi. Calhanoglu esce tra gli applausi ed entra Asslani, Barella lascia il campo a Frattesi. Il Monza invece patisce ancora l’iniziativa dei nerazzurri, vicini al poker con Pavard.

A venticinque minuti dalla fine il Monza accorcia le distanze all’improvviso. Dany Mota lanciato in contropiede viene steso da Darmian, Rapuano concede il rigore che Pessina trasforma animando il pubblico di casa. 

Kyriakopoulos prova ad impensierire Sommer dalla distanza e il Monza prova a crederci. L’Inter abbassa il suo baricentro con Thuram e Lautaro che faticano ad essere serviti.

A dieci minuti dalla fine l’inter riprende il possesso del pallone e cerca di amministrare il palleggio. Asslani calcia alto dal limite dell’area di rigore e Inzaghi chiama in panchina Pavard mettendo in campo Bisseck.

L’Inter dilaga nel finale. Frattesi sfonda a destra e si procura il calcio di rigore. Lautaro Martinez calcia centralmente e cala il poker mettendo a segno la rete numero diciotto in campionato.

Al minuto 88 partecipa alla festa anche Thuram. Il francese entra in area, lascia sedere un avversario e butta dentro il pallone della manita nerazzurra. Nei tre minuti di recupero si sentono solo i cori delle due curve e Rapuano fischia la fine. 

Le pagelle di Monza Inter

Monza (3-4-2-1) Sorrentino 6 D’Ambrosio 5,5 Gagliardini 5,5 Caldirola 5,5 Pereira 5,5 Pessina 6,5 Bondo 5 Ciurria 5,5 Colpani 6 V. Carboni 5 Mota 5,5. Dalla panchina Kyriakopoulos 6 Colombo 5,5 Birindelli 6 Pablo Marì s.v. Akpa Akpro s.v.

​Inter (3-5-2) Sommer 6 Pavard 6 De Vrij 6,5 Bastoni 6 Darmian 6 Barella 6 Calhanoglu 7,5 Mkhitaryan 6,5 Dimarco 7 Thuram 7 Lautaro 7,5  Dalla panchina Frattesi 6 Asslani 6 Carlos Augusto 6 Acerbi 6 Bisseck s.v.




Dove trovare Oggi Sport Notizie:




Pubblicità

Facebook

ACF Fiorentina ac milan ac monza AIA Altro Calcio Ascoli Calcio 1898 AS Roma atalanta basket calcio femminile Calcio Internazionale calciomercato champions league conferenza stampa Coppa Italia curiosità Designazione Arbitrale Europa League evidenza Frosinone Giudice Sportivo Hellas Verona Inter FC inzaghi italia Juventus FC news numeri pallavolo press conference Programma Gare Qatar 2022 Risultati roma scherma Serie A Serie B serie C serie D spalletti SSC Napoli ss lazio Tennis US Cremonese volley

Copyright © 2022 | OggiSportNotizie.it iscritto al Tribunale di Teramo con il n. 317 del 23 febbraio 2022 | Editore: Associazione ERASMUSTE Sede legale via Balzarini 1 c/o UNITE - 64100 Teramo e-mail: teramo@esn.it | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | Presidente: Leonardo De Lauretis | CF: 92030830670 | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione | Tutti i diritti sono riservati.